MONTESILVANO. Studenti dell’istituto Alessandrini di Montesilvano a lezione di tutela ambientale e contrasto al bracconaggio e al commercio illegale di animali grazie ai militari del Nucleo Cites del gruppo carabinieri forestale di Pescara. Circa 120 adolescenti della scuola superiore di via D’Agnese, insieme ai loro insegnanti e alla preside Maria Teresa Di Donato, hanno assistito, questa settimana in aula magna, alla lezione dedicata al bilancio delle attività del Cites e alla presentazione del calendario 2023.
Per le attività, nell’anno appena concluso i militari si sono occupati di certificazioni (rilascio di 504 certificati, di cui 189 di riesportazione e 315 comunitari, e di 28 registri di detenzione, oltre alla ricezione di 451 denunce di nascita, di morte e di spostamento di esemplari vivi), di controllo diffuso sul territorio (157 persone controllate nel corso di 216 verifiche, con la contestazione di 15 infrazioni amministrative, per un importo sanzionato di 7.137 euro) e di attività di polizia giudiziaria (29 persone deferite in 30 procedimenti penali aperti). Passando al calendario, l’edizione di quest’anno è dedicata a 12 specie in via di estinzione tutelate dal Cites e ad altrettante aree naturali protette, tra cui il Parco Nazionale della Majella, dove queste specie vivono e vengono protette e dalle quali spesso vengono strappate per essere avviate al commercio illecito. «Il calendario Cites dei carabinieri», ha spiegato il comandante del gruppo carabinieri forestale di Pescara Giancarlo D’Amato, «nell’ambito dell’azione di educazione ambientale verso la popolazione scolastica, rappresenta un’opportunità importante per la diffusione della cultura naturalistica sui temi della conservazione della biodiversità». (a.l.)