CITTÀ SANT’ANGELO. Appuntamento con la Festa di primavera a Città Sant’Angelo, in programma da giovedì a domenica lungo le vie del borgo, nello specifico dal giardino comunale a piazza Garibaldi.
Saranno quattro giorni caratterizzati innanzitutto dallo street food, con gli stand gastronomici che apriranno i battenti dalle 18. Poi ci sarà l’animazione per i più piccoli, ma anche l’intrattenimento per gli adulti, con due concerti in piazza, il primo sabato sera con Fabristar e il funky anni ’60 e ’70 e il secondo la domenica grazie alla presenza di Radio Revival, con la musica live fino agli anni ’90.
E sempre domenica, in occasione della giornata mondiale del donatore, l’Avis ha organizzato un concerto nella piazza davanti al teatro comunale, con inizio alle 17.30. L’evento, promosso dalla Pro loco Angulum, ha come obiettivo quello di favorire la ripartenza del turismo, anche per rivitalizzare le attività presenti all’interno del centro storico, dopo due anni di pandemia dove di occasioni per lavorare ce ne sono state davvero poche.
A spiegarlo è il presidente della Pro-loco Giacomo Bellante: «Abbiamo organizzato quest’evento, al debutto assoluto qui a Città Sant’Angelo, proprio per cercare di richiamare l’interesse del pubblico e favorire la ripresa del commercio e dell’economia locale», spiega a pochi giorni dal via.
«Saranno quattro serate piene di attrazioni, a partire dal cibo, ma passando anche per l’intrattenimento dei più piccoli e la buona musica. Tutti ci auguriamo che a Città Sant’Angelo il turismo possa tornare ai livelli pre Covid, e manifestazioni come questa non possono far altro che aiutare».
Tra le altre cose, la Festa di primavera arriva a distanza di due settimana di “Borgo divino” e un mese dopo la Werewolf run, altri due appuntamenti che hanno riacceso i riflettori sul centro angolano, e che verrà seguita da Diorama festival, altra manifestazione a base di musica moderna, pop art, tatuaggi e arte, pensata soprattutto per i più giovani e in programma nel primo fine settimana di luglio nel giardino del belvedere.
©RIPRODUZIONE RISERVATA